Installazione di JBoss

Prima di partire con JBoss è necessario assicurarsi di installare una versione aggiornata del JAVA SE Runtime Environment (JRE): la parte che contiene la Java Virtual Machine (JVM) per l’esecuzione di applicazioni Java (non è necessario invece JDK); JBoss, come evidenziato in un precedente articolo, è scritto in Java per cui la JVM è proprio necessaria.

Nella pagina dove si trova JBoss community, vi sono parecchi file da scaricare e non è immediato scegliere quello giusto.
Tipicamente l’archivio che contiene tutto il necessario all’application server ha una dimensione di circa 170-180 megabyte e inizia jboss-as-distribution, la parte finale dipende al numero di versione. Si consiglia di scaricare l’ultima versione stabile disponibile, ad eccezione di esigenze particolari.

Scompattare l’archivio dove è contenuto il programma in una cartella di comodo utilizzo. E’ importante scegliere una posizione ragionevole dove verranno copiati i file di JBoss. Il path di installazione di JBoss verrà identificato, nel resto dell’articolo e nei prossimi, con la variabile JBOSS_HOME.

In JBOSS_HOME, cercare nella cartella bin quindi eseguire il file run.bat se si è in Windows altrimenti run.sh per i sistemi del pinguino. Dopo una trentina di secondi, JBoss sarà in esecuzione.

Aprendo il browser sul proprio computer e digitando nella barra degli indirizzi http://localhost:8080 apparirà una pagina web con il logo di JBoss.

Se state utilizzando JBoss in una ambiente virtuale è possibile vedere la pagina di “benvenuto” anche dalla rete.
Di default JBoss impedisce per questioni di sicurezza di poter accedere da un indirizzo IP remoto alle pagine generate dall’application server.

In Windows è necessario creare un file da utilizzare per avviare JBoss contenente le seguenti due righe.

@echo off
start C:\Programmi\JBoss\bin\run.bat -b 0.0.0.0

Salvare il file di testo con estensione bat così cliccandoci sopra parte JBoss.

Come potrete notare l’esecuzione di JBoss e dei componenti necessari porteranno via ben 200 megabyte di RAM senza aver caricato ancora nessun applicazione.
Il resto nei prossimi articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *