Installare Ubuntu 10.04 LTS in una virtual machine


logo-ubuntu-1004 Negli ultimi giorni di aprile 2010 è stata rilasciata con qualche giorno di ritardo la nuova versione long term support di Ubuntu: Ubuntu 10.04 LTS. Le novità sono tante: a partire dal look completamente ridisegnato che rende questa versione di Ubuntu molto diversa dalle precedenti. Le finestre, i pulsanti dell’ambiente desktop assomigliano molto a MAC OS X più che al vecchio GNOME

Continua a leggere

Trasformare il sistema operativo in una virtual machine

Ci si può chiedere se è possibile trasformare un’installazione di un sistema operativo in poco tempo in una macchina virtuale? Risposta affermativa.

Quest’operazione permette di risparmiare un bel po’ di tempo rispetto alla creazione ex-novo di una macchina virtuale: prima di tutto non è necessario spendere un’oretta per installare il sistema operativo più tutti i programmi necessari secondo non è detto che non siano facilmente reperibili gli installer di alcuni programmi.

Continua a leggere

System call in QEMU

QEMU è un software di virtualizzazione molto versatile; basti pensare che è stato usato come base per lo sviluppo di VirtualBox e viene adoperato da KVM. Però, quando QEMU è nato è stato concepito come un puro emulatore.

Il fatto di essere un emulatore ha permesso al software di essere adattato per diverse architetture tra cui i ARM, MIPS, PowerPC, Sparc. Dunque non solo per i diffusi x86 (e x86_64), tanto che è usato per far funzionare l’emulatore di Android e dei FreeRunner.

Ma come è sommariamente fatta l’architettura di QEMU? Come funzionano le istruzioni privilegiate, tra cui le chiamate di sistema (system call)? Continua a leggere

Montare file immagine di Xen e QEMU

A volte è comodo poter accedere alle immagini in formato raw create per immagazzinare i file e il filesystem di una macchina virtuale. Dunque c’è un modo per montare il file del disco virtuale sul filesystem dell’host. La prima cosa da fare è ovviamente spegnere la virtual machine. Nelle vecchie versioni di Xen era disponibile un tool lomount che permetteva di montare le partizioni contenute in un file raw, ma ora è stato tolto, perciò bisogna fare in un altro modo. Continua a leggere

Guida al vps scegliere il miglior virtual private server

server-dell La scelta di un virtual private server (vps) non è un’operazione banale, anzi è fondamentale riuscire a calcolare quale proposta commerciale è la più adatta alle proprie esigenze e non è proprio facile.

Un computer esegue un sistema operativo e un programma che danno la possibilità di creare delle istanze, dette virtual machine (o virtual private server o vps), le quali contengono all’interno un altro sistema operativo che gira autonomamente. Generalmente su un server fisico sono in esecuzione una o più virtual machine, ognuna ha un suo ambiente operativo, spazio disco, memoria, interfaccia di rete.

Continua a leggere

VMware Server 2

vmware-server-2-logo VMware Server 2 è l’ultima versione gratuita di Vmware per la gestione delle macchine virtuali su server medio-piccoli. In questo articolo: guida all’installazione e all’uso di VMware Server 2. La novità che si nota immediatamente  è l’interfaccia grafica web al posto della GUI grafica della precedente uscita.

Ecco alcune nuove caratteristiche di VMware Server 2.0:

Continua a leggere

Enomalism per gestire server virtuali eterogenei

coccinella Enomalism è un’interfaccia grafica web-based per gestire un gruppo di server virtuali che adoperano diversi software di virtualizzazione. Attualmente Enomalism è in grado di portare a termine migrazioni da e per QEMU/KVM, Xen e Amazon EC2 (presto anche VMware, VirtualBox e OpenVZ).

Il software possiede anche la capacità di effettuare automaticamente il bilanciamento del carico di lavoro tra i server, inoltre ha un’architettura modulare che consente la creazione da parte di terzi di plug-in per Enomalism.

Continua a leggere

Usare un’immagine di QEMU su VMware


E’ possibile usare una macchina virtuale creata con QEMU in VMware. In breve: occorre convertire l’immagine di QEMU in formato vmdk e poi creare un file di configuazione .vmx adatto alla virtual machine.
Per effettuare una conversione, è necessario che il disco virtuale non sia un disco delle differenze ovvero non deve appoggarsi ad un’immagine base. Continua a leggere

Comparativa tra KQEMU, KVM e VirtualBox

Comparativa prestazionale di KQEMU, KVM e VirtualBox

Questo test serve per confrontare le prestazioni di QEMU + KQEMU, QEMU + KVM, VirtualBox

I numeri sono espressi in iterazioni al secondo.

 

 

 

Comparation among QEMU plus KQEMU accelerator, QEMU plus KVM and VirtualBox. Tested on DELL Inspiron 6400.

Test nbench: http://www.tux.org/~mayer/linux/bmark.html

Test eseguiti su un DELL Inspiron 6400, processore Intel Core Duo T2400 a 1,83 GHz, cache di secondo livello 2048 KB, 2 GB RAM.

QEMU è stato lanciato con le opzioni di default usando i test nbench presenti nell’immagine linux-0.2.img.bz disponibile sul sito ufficiale di QEMU.

Per QEMU + KQEMU si intende l’uso di QEMU 0.9.0 con il modulo acceleratore kqemu-1.3.0pre11.

QEMU + KVM si intende l’uso del modulo KVM 17 e di QEMU incluso in KVM (qemu-kvm).

Il test con VirtualBox 1.4.0 è stato effettuato convertendo l’immagine raw linux-0.2.img in formato vmdk, usando il tool qemu-img

Numeric sort: ordinamento di un array di interi a 32 bit.

String sort: ordinamento di un array di stringhe con lunghezza arbitraria.

Bitfield: esecuzione di funzioni per manipolazioni di bit

Floating-point emulated: programma che fa uso di floting-point.

Fourier coefficients: Una routine di analisi numerica per il calcolo delle approssimazioni delle serie.

Assignment algorithm: Un algoritmo di allocazione di task.

Huffman compression: Un algoritmo di compressione grafica e testuale.

IDEA encryption: un algoritmo di cifratura a blocchi.

Neural Net: Un simulatore di reti a retro-propagazione.

LU decomposition: Algoritmo per risolvere equazioni lineari.

 

Commento: come si può notare non vi sono evidenti differenze tra l’uso di kvm o kqemu, anche se l’uso delle istruzioni di virtualizzazione portano miglioramenti nelle prestazioni. VirtualBox rispetto a kvm offre maggiori performance nei test di calcolo mentre il suo rivale guadagna qualcosa nei test di manipolazione dei puntatori.