Windows 7 ottimizzato per SSD

Windows 7 potrebbe essere leggermente diverso a Vista in superficie, ma sono state molte le modifiche nelle parti infime del sistema operativo. Una delle modifiche che permettono al sistema operativo di funzionare meglio con le unità a stato solido.

I dispositivi SSD richiedono un approccio diverso via della diversa struttura (un hard disc tradizionale ha molte parti meccaniche mentre un SSD ha principalmente componenti elettronici) ma li tratta Vista praticamente allo stesso modo, il che significa che non possono essere sfruttate appieno le prestazioni come la maggior velocità di un disco a stato solido.

Il motivo? Le SSD sono state concepite e progettate mentre Vista era già in fase di sviluppo. Il più grande cambiante nel sistema operativo Vista rispetto a XP è stato quello di accelerare le prestazioni del PC mediante l’utilizzo di un’unità disco ibrida o della cache posta sulla scheda madre (come Intel Turbo Memory), o usando un flash drive USB performante, come se fosse memoria RAM.

Ora che è cambiato, e le unità a stato solido hanno sostituito l’hard disk come supporto di memorizzazione su molti portatili e notebook. Microsoft ha annunciato di voler far in modo che Windows 7 permetta un utilizzo soddisfacente delle memorie SSD.

“Le SSDs sono sulla strada per raggiungere il loro pieno potenziale”, spiega Frank Shu, Microsoft senior program manager, che in una conferenza su Windows 7 Accessori per Solid-State Drives (Windows 7 Enhancements for Solid-State Drives) ha illustrato come Windows 7 supporterà meglio le unità SSD rispetto Vista o XP.

Windows 7 si adopererà per creare e usare una partizione del disco a stato solido in modo da ridurre al minimo inutili cicli di lettura-scrittura (che degradano la memoria a stato solido).
Il servizio per la deframmentazione dei dischi sarà disattivato quando l’installazione di Windows 7 rileva una SSD, dato che la procedura per deframmentare il disco riduce la vita del SSD tra l’altro senza migliorare le sue prestazioni.

Shu dice anche che Windows 7 sarà disponibile con un nuova caratteristica che ridurrà la quantità di dati che devono essere eliminati (per estendere ulteriormente la durata di un SSD) ed eliminare dati inutili in anticipo (per velocizzare la scrittura dei dati, che è l’attività in cui SSDs sono più lente). Windows 7 suserà anche dei comandi ATA specifici per migliorare ulteriormente la velocità di scrittura sui SSD.

Microsoft ha anche l’intenzione di lanciare un programma di certificazione per SSD che dare la priorità alla lettura di dati piuttosto che la scrittura (che è assai più lenta).

Tuttavia, Windows 7 è improbabile che adotterà la nuova memoria non volatile Host Controller Interface (NVMHCI), che è stata progettata specificamente per gli SSD. Intel NVMHCI è stata creata come tecnologia per migliorare i dischi a stato solido e non intende sostituire l’interfaccia ATA, che è stato sviluppato per unità disco rigido.

“E ‘troppo presto per dire se NVMHCI sarà implementata da subito in Windows 7”, afferma Jeff Price, direttore senior della gestione del prodotto Windows. “La disponibilità di NVMHCI è ancora da nascere”.

Un altro punto importante per Microsoft è fare in modo che Windows 7 possa sfruttare appieno le piccole unità a stato solido dei netbook. Mentre la maggior parte delle odierne SSD su netbooks hanno un massimo di 8GB unità, la dimensione è destinata a raddoppiare entro il prossimo anno. E ciò sarà necessario perché Windows 7 si prenderà quasi la metà di quello spazio.

Microsoft senior program manager portare Leon Braginski ha detto che il sistema operativo e file ausiliari – che vanno dal ripristino di file, temp e log del sistema e lo spazio su disco riservato per l’ibernazione – richiedono soltanto 8GB, lasciando libero il resto per le applicazioni e dati utente.

“L’intera installazione di Windows 7 occuperà meno spazio di Vista,” ha detto Braginski, rendendo 16GB “sufficienti per una buona esperienza di Windows 7”. Braginski rifiutato di commentare voci che Microsoft potrebbe creare una versione leggera di Windows 7 per netbook, ma ha confermato che Microsoft non ha alcuna intenzione di creare una grafica utente (GUI) per Windows 7 per supportare lo schermo più piccoli netbook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *