Accelerazione 3D sulle virtual machine

E’ nato un progetto, VMGL (Virtual machine graphic library), per implementare l’accelerazione 3D nelle virtual machine.

Si sa che le prestazioni 3D nelle macchine virtuali sono veramente ridicole. Questo è dovuto alla non standardizzazione dei driver delle schede grafiche e alla mancanza di specifiche fornite dai produttori dell’hardware. Oltre a ciò Direct3D, che insieme a openGL sono le librerie grafiche per il 3D, sono disponibili solo per Windows ma soprattuto sono proprietarie (close source). VMGL è utilizzabile solo se le applicazioni fanno uso di openGL.

VMGL non ha bisogno di una GPU di una marca precisa né di un programma di virtualizzazione specifico (VMGL può essere adoperato da Vmware, Xen; non ufficialmente, è possibile adoperare le librerie anche con Virtualbox e QEMU) ed è usabile su sistemi operativi guest diversi (GNU/Linux, FreeBSD…).

Le prestazioni di VMGL arrivano a circa l’87% delle performance dell’accelerazione hardware nativa e le librerie del progetto sono di gran lunga migliore delle librerie grafiche Mesa.

 

prestazioni vmgl

Come funzionano?

In un ambiente non virtualizzato, le OpenGL proprietarie programmate dei produttori delle schede video si interpongono tra l’applicazione che richiede l’accelerazione e l’hardware.

VMGL presente su una virtual machine riceve tutte le richieste da parte delle applicazioni e le inoltra, usando i comandi GL, all’host dove vengono eseguiti da VMGL Stub che si interfaccia con le OpenGL proprietarie della scheda.

 

vmgl

Detto questo si possono notare alcune cose: sono necessari dei driver (librerie) anche sull’host e bisogna far passare questi comandi GL da un guest ad un host.

Seguiranno, se ci sarà interesse, altri articoli su VMGL. Fate sapere la vostra.

4 pensieri riguardo “Accelerazione 3D sulle virtual machine

  1. Jacky87 ha detto:

    Ciao, sto provando a virtualizzare winzz…Mi chiedevo se posso installare le vmgl in windows per poter utilizzare l’accelerazione 3d.
    Grazie

  2. admin ha detto:

    Non si può usare con Windows né come host né come guest.

  3. Seiya ha detto:

    ma allora a che serve?
    il miglior supporto 3D c’è solo su Windows, e di certo avrebbe più senso.
    Già installare i driver di ati su linux è una faticaccia..

  4. valent ha detto:

    Forse perché non esiste solo Windows?
    Il problema dei driver su Linux è tutto da attribuirsi ad ATI/AMD (alla incapacità o mancata volontà di sistemare la situazione) perché i driver Ndivia o Intel non hanno tutti questi problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *