Virtual machine: trucchi e consigli non convenzionali

Ecco una serie di trucchi e usi anche non convenzionali (poco ortodossi) riguardanti le virtual machine (Xen, VMware, VirtualBox, QEMU, KVM…).

  • Trasferimento file da host a guest

Se ci sono dei problemi con la comunicazione tra macchina virtuale e sistema operativo host e non è possibile servirsi della condivisione delle cartelle (VirtualBox guest addition, VMware tool,…) c’è un modo abbastanza semplice per trasferire file dall’host al guest. Il trucco consiste nel preparare un’immagine .iso con i file da portare sulla virtual machine su sitema operativo ospitante. Il file iso può essere prodotto usando i più comuni programmi di masterizzazione tra cui Nero, CDBurnerXP, k3b, disc-at-once… Una volta riempita l’immagine questa va selezionata nel menù di configurazione CDROM dei vari software di virtualizzazione (VMware, VirtualBox) oppure va impartito una comando adeguatamente formattato all’avvio della virtual machine (QEMU, KVM, Xen).

Viceversa (da guest a host) purtroppo non è possibile in quanto non è stato implemetato il meccanismo di gestione della masterizzazione, e probabilmente non sarà mai implementato.

  • Virtualizzare nelle virtual machine

Spesso i programmi di virtualizzazione non permettono di installarsi all’interno di una virtual machine, per esempio VMware server mostra un messaggio di errore quando si tenta di installarlo. Con alcuni accorgimenti è possibile provare software di virtualizzazione all’interno delle virtual machine. Alcuni software richiedono l’uso delle istruzioni per la virtualizzazione dell’hardware implementate nel processore quindi è necessario abilitare tra le impostazioni della virtual machine che li eseguirà il sopporto per tale tecnologia. Nel caso specifico di VMware Server è meglio adoperare il prodotto all’interno di una VM non VMware (VirtualBox, QEMU…).

Ad eccezione di software come VMware Server, la paravirtualizzazione in una VM è possibile così come l’emulazione (QEMU “liscio”). Personalmente ho virtualizzato con successo OpenVZ all’interno di Vmware.

  • Provare software a tempo

Le macchine virtuali sono eccellenti perchè permettono di fare delle istantanee (dette anche snapshot, freeze) dello stato. Per cui è possibile prima di installare un software con conto alla rovescia (sia per usi sia per tempo), adoperarlo e al termine del periodo di prova ripristinare lo snapshot così da poter nuovamente utilizzare il programma.

  • Usare vecchio software

A volte del buon software non viene più mantenuto e così non è più installabile su sistemi operativi recenti. Con le macchine virtuali è possibile far uso di un sistema operativo obsoleto come Windows 95, DOS… anche su hardware aggiornato.

  • Navigare su Internet da una virtual machine

Accedere al web da una virtual machine è un gioco da ragazzi se si usa l’impostazione di rete NAT. Scegliendo questa configurazione la VM acquisisce il suo indirizzo IP che viene tradotto e associato (natting) con quello della connessione ad Internet attiva sul host, ed eventualmente è necessario indicare il proxy server. Utilizzando invece un host-interface non è fattibile il collegamento, mentre con un’impostazione brigded la cosa è più “tosta”.

  • Spazio in più per la VM

A volte il disco immagine della virtual machine non basta più, lo spazio inizia a scarseggiare. Un metodo universale per aumentare lo storage del guest è fornirgli un’ulteriore immagine. L’idea, in ambiente Windows, è aggiungere un’unità D:, mentre per Linux, è come poter usufruire di un /dev/hdb. Lì potranno essere spostati alcuni file presenti nella VM oppure montate delle cartelle.

Se avete problemi o avete bisogno di chiarimenti, non esitate a lasciare un commento!

3 pensieri riguardo “Virtual machine: trucchi e consigli non convenzionali

  1. ::: FABOZ ::: ha detto:

    ciao, consigli sempre utili e da tenere a mente.
    la cosa che mi stuzzica di più è integrare una VM in una rete…potresti approfondire di più il discorso NAT, Host e Bridge?!
    keep on rockin’

  2. admin ha detto:

    Per alcuni software di virtualizzazione ho già scritto qualche articoletto. Se hai bisogno di maggiori informazioni su qualche programma specifico, batti un colpo 🙂

  3. Angelo ha detto:

    si si credo ke sia una ottima cosa spiegare meglio e dettagliatamente il discorso NAT e le varie opzioni eventuali, cosi da poter navigare nelle VM. GRAZIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *