Installare Tomcat su CentOS 8


CentOS 8 è l’ultima versione di CentOS uscita appena qualche giorno fa. Vediamo in questo articolo come instalare Tomcat su CentOS 8.

Tomcat è il famoso application server per eseguire applicazioni, war, scritte in Java.

La prima cosa da fare, se non l’avete già fatto, è installare il java developer kit (o JDK) su CentOS. Si può optare per la versione openJDK oppure per la versione ufficiale di Oracle.

In questo tuttorial scegliamo la versione open. A sua volta possiamo scegliere fra openJDK 8 e l’ultima versione LTS openJDK 11. La scelta va fatta in base alle vostre esigenze e al vostro codice.

Continua a leggere

PMBOK vs PRINCE 2 vs AGILE

Rapida carrellata sui metodi di project management più diffusi.

PMBOK lo possiamo definire come uno standard, PRINCE2 come una serie di guide linea mentre AGILE come una metodologia snella.

La gestione di un progetto (project management) in qualsiasi ambito della nostra vita, lavorativo o privato, non è una questione da poco.
Gestire di un progetto non è facile specialmente se coloro che sono coinvolti non hanno un’attitudine per l’ordine, la precisione e il rispetto delle scadenze.
Alcuni si trovano con una dote innata per tenere tutto sotto controllo e portare le cose al termine ma spesso ci troviamo in situazioni in cui siamo insabbiati, anche chi è piuttosto bravo in questi aspetti.
Ecco che a partire dagli anni ottanta, sono nati degli standard e raccolta di guide linea (tipicamente dal gusto anglosassone) per regolare la gestione di un progetto.

La Project Management Body of Knowledge (PMBOK) è una guida pubblicata dal Project Management Institute (PMI) ossia uno standard, nato degli Stati Uniti, per tracciare un percorso per la realizzazione di un progetto attraverso una sequenza di processi avendo ben chiaro degli aspetti (aree di conoscenza) come il rispetto dei tempi, lo sviluppo delle risorse umane, la valutazione dei rischi, contenimento dei costi…

Dall’altra parte dell’Atlantico, nel Regno Unito è nato PRINCE (PRojects IN Controlled Environments) e la sua evoluzione PRINCE2. PRINCE2 è una raccolta di guide linea riguardanti il processo di nascita, sviluppo e conclusione di un progetto. A differenza di PMBOK che si focalizza molto sul “come” fare, PRINCE2 è orientato al “cosa” fare; non fornisce degli strumenti ma piuttosto indica un percorso da seguire con delle demarcazioni ben precise.

Sia PMBOK sia PRINCE2 sono raccolti in guide e libri i cui concetti sono ben codificati tanto da avere delle rispettive certificazioni: sì, ci si può certificare (in diversi gradi) come esperto in PMBOK e PRINCE2.

E poi c’è AGILE. Agile è un metodo di gestione dei progetti nato in occasione della pubblicazione del manifesto Agile (Manifesto for Agile Software Development) e raccoglie un piccolo elenco di aspetti che sono importanti:

Gli individui e le interazioni, più che i processi e gli strumenti
Il software funzionante, più che la documentazione esaustiva
La collaborazione col cliente, più che la negoziazione dei contratti
Rispondere al cambiamento, più che seguire un piano

Questi principi che negli anni si sono evoluti, ma non in maniera rigida e codificata, sono il riferimento per un project management molto snello fatto di rapide e ben cadenzate release, ottima metodologia per rilasciare software in ambienti molto dinamici ma forse non così adatta per l’organizzazione di un matrimonio!

Installare Nagios su Debian Buster


Nagios è un programma per il monitoraggio dell’infrastruttura come server, applicazione, database, log, banda e anche prestazioni del sistema.
Da leader di mercato, Nagios è un software molto popolare anche se non è così semplice da usare, tuttavia l’installazione di Nagios è abbastanza semplice.
In questo articolo andremo ad installare Nagios 4 su Debian Buster.

In questo tutorial si assume che sia stato installato il sistema in modalità minimal. A questo punto occorre aggiunger un IP statico al sistema o riservare un IP sul proprio DHCP per il server Nagios.
L’ultima cosa da fare, prima di procedere, è attribuire permanentemente un hostname di tipo fully qualified.

Aggiorniamo il sistema operativo al’ultima versione

apt update && apt upgrade

Installiamo alcuni tool che ci aiuteranno in seguito:

apt install unzip zip net-tools

Installiamo HTTP Deamon (Apache 2) e PHP

apt install apache2 libapache2-mod-php php7.3

Abilitiamo dei monduli di Apache necessari all’esecuzione di Nagios

a2enmod rewrite headers cgi auth_digest authz_groupfile

Installiamo i pacchetti di Nagios

apt install nagios4

Durante l’installazione quando appare la seguente finestra, rispondiamo di NO.

Riavviamo Nagios

service apache2 restart

Apriamo la pagina web di Nagios

http://nagios-ip-address/nagios4/

dove nagios-ip-address è l’ip statico del server Nagios o il suo fully qualified domain name.

Installare Kubernetes in Debian 9

Kubernetes è uno strumento di gestione (orchestrazione) di container che consente l’amministrazione di gruppi di container dislocati anche su più server.
Esistono tecnologie simili a Kubernetes, ma esso è diventato un riferimento di mercato e uno dei prodotti meglio documentati e semplici da utilizzare.
Kubernetes si avvale di Docker, e per questo motivo, prima di installare Kubernetes è conveniente installare Docker CE (Community Edition).

Continua a leggere

Installare Zabbix 3.4 su Debian Stretch 9


In un precedente articolo, qualche anno fa, avevo raccolto i passaggi necessari per installare Zabbix 2.2 su Debian. Ora a distanza di un po’ di tempo vorrei esporre i passi per installare Zabbix 3.4 su Debian Stretch 9.
In questo caso Zabbix 3.4 è l’ultima versione disponibile destinata ad ambienti produttivi di Zabbix. Nel nostro tutorial andremo ad installare Zabbix 3.4 su un server Debian 9 (Stretch) in modo rapido e coinciso. Al termine del tutorial avremmo a dispozione un server Zabbix da utilizzare per monitorare la nostra infrastruttura o il nostro gruppo di server. Continua a leggere

Logical Volume Manager


LVM, acronimo di Logical Volume Manager, è un gestore per volumi logici creato per i sistemi operativi GNU/Linux, attualmente è disponibile nella versione 2.
Il gestore di volumi logici è una suite software che serve per avere i benefici di una vista ad alto livello rispetto a quella tradizionale che mette a disposizione del sistema operativo solo dischi e partizioni.
Grazie al gestore di volumi logici, scopriremo che è possibile avere maggior flessibilità nell’amministrazione e distribuzione di spazio per programmi e utenti.
Sicuramente possiamo considerare l’utilizzo del gestore di volumi logici un argomento abbastanza ostico e avanzato dovuto essenzialmente alla sua complessità.
Probabilmente chi utilizza un computer portatile, un netbook, o un desktop casalingo potrebbe non aver bisogno di utilizzare il gestore dei volumi logici ma chi ha a che fare tutti giorni applicativi che crescono senza regolarità, in ambienti dove il downtime deve essere minimizzato, avrà sicuramente sperimentato il fatto di ritrovarsi con un disco pieno e doversi ingegnare per dare il minimo disservizio. Quanto è difficile precalcolare quanto spazio sarà necessario per l’intera durata di vita di un servizio?
Nell’ottica di migliorare la qualità del servizio e ridurre il tempo di manutenzione degli apparati possiamo sicuramente consigliare l’adozione di LVM. Continua a leggere