Windows Server 2008 su Xen

windows-server-2008-logo Windows Server 2008 può essere installato in un domU di Xen abbastanza semplicemente. Siccome tutti i sistemi operativi Windows non contengono istruzioni nel loro kernel che permettono la paravirtualizzazione (fino ad ora) è necessario usare il supporto per la virtualizzazione completa persente in Xen.
E’ opportuno destinare a Windows Server 2008 uno spazio sufficiente, dove memorizzare i suoi file; per questo 8 GB dovrebbero essere sufficienti.
Per creare un disco immagine si può adoperare qemu-img, uno strumento rapido ed efficace, incluso nel pacchetto di qemu.
$ qemu-img create -f raw windows2008.img 8G
Oppure è possibile usare dd:
# dd if=/dev/zero of=/virtual/windows2008.img
Nel primo caso verrà creato il file nella directory dove si è lanciato il programma, mentre nel secondo il file è posizionato in /virtual (se esiste la cartella).

Il file di configurazione del dominio guest per l’installazione è questo:

import os, re
arch = os.uname()[4]
if re.search(’64’, arch):
arch_libdir = ‘lib64’
else:
arch_libdir = ‘lib’

name=’windows2008′

kernel=’/usr/lib/xen/boot/hvmloader’
builder=’hvm’

memory=512
shadow_memory=8
#vcpus=1
#cpus = “0” # all vcpus run on CPU0

pae=0
acpi=1
apic=0

disk=[‘file:/home/vale/DVD.iso,hdc:cdrom,r’, ‘file:/virtual/win2008.img,hda,w’]
device_model = ‘/usr/’ + arch_libdir + ‘/xen/bin/qemu-dm’

# Fa l’avvio mediante CDROM.
# Cambiare in ‘c’ al termine dell’installazione.
boot=’d’
#boot=’c’

sdl=1
stdvga=0
extra=”
on_reboot=’restart’
on_shutdown=’destroy’
ramdisk=”
vif= [‘bridge=xenbr0′]
on_crash=’destroy’
bootloader=”
vcpus=1
root=”

Nel file di configurazione che può essere salvato nella directory /etc/xen/ con un nome a piacere (es /etc/xen/win08.conf), è stato attivato il suporto per acpi che è richiesto da Windows Server 2008 per potersi avviare. Inoltre è stato abilitato sdl e tolto il supporto per le librerie vnc. Ciò è dovuto a problemi nella gestione della finestra e a causa dello sdoppiamento del mouse. La prima parte del valore assegnato alla voce disk indica il percorso del disco ottico di installazione di Windows Server 2008; in questo caso si tratta di un’immagine iso, mentre se si preferisce adoperare un lettore si può modificare così:
disk=[‘phy:/dev/cdrom,hdc:cdrom,r’, ‘file:/virtual/win2008.img,hda,w’]

windows-server-2008-installation

Terminata l’installazione, al secondo avvio è necessario indicare un parametro di boot diverso da quello indicato nel precedente file di configurazione, ‘d’ va sostituito da ‘c’. In più si può aggiungere vnc=1 e cambiare il valore sdl=0.

La rete instaurata tra il domU, contenente Windows Server 2008, e il dom0 è di tipo Bridged. Ovvero viene creato in un bridge che ha è collegato direttamente con il dom0 e i vari domU bridged. Un eventuale traffico Internet passa attraverso il bridge e poi giunge alla virtual machine

dom0: ———————- —–bridge -> eth0 fisica -> RETE
|
domU: eth0 simulata -> vifN.0 -+

Per ulteriori dettagli sono disponibili altri articoli su Xen che spiegano con più particolari: networking, differenza tra paravirtualizzazione e virtualizzazione completa, installazione di Windows Server 2008 su VirtualBox, come creare immagini disco usando qemu, istruzioni per adoperare convirt un’interfaccia grafica per gestire Xen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *