Debian 5.0 Lenny su VirtualBox

phpii1sPQDopo parecchia attesa è arrivata la quinta versione di una delle distribuzioni GNU/Linux più usate e famose: Debian Lenny.

Ho creato una macchina virtuale per VirtualBox contenente il sistema operativo, disponibile per il download.

Si tratta di una versione minimale del sistema operativo aggiornata con le ultime patch (17 marzo 2009), i repository sono quelli italiani e per ottenere gli ultimi pacchetti disponibili bastano i due comandi: apt-get update e apt-get upgrade.

Per versione minimale si intende l’installazione di Debian Lenny solo abilitando i software nell’ultimo gruppo il sistema base, perciò niente desktop. Ovviamente nulla toglie di installare altri programmi mediante apt-get.

Per adoperarla facilmente importare il disco immagine dall’estensione .vhd, contenuto nell’archivio compresso, con lo strumento che si trova nel menu File > Gestore dischi virtuali (o virtual media manager).

Creare una macchina virtuale con “Sistema operativo” Linux 2.6 a 32 bit, con 512 MB di RAM. Per quanto riguarda l’hard disc virtuale scegliere di utilizzarne uno esistente (indicare la posizione dell’immagine disco .vhd scaricata dalla rete). Ad ogni modo per la preparazione di una virtual machine vi rimando alla guida + video virtualbox.

Una volta avviata la macchina virtuale questi parametri permetteranno di fare il login (è stato creato un utente non privilegiato con nickname utente):

Password di root: valentblog

Login: utente

Password: password

Debian Lenny 5.0 VirtualBox (Rimosso il link in quanto non più valido)

dimensione del file compresso: 235 MB,  per aprire l’archivio usare il pogramma 7-Zip.

2 pensieri riguardo “Debian 5.0 Lenny su VirtualBox

  1. matteo ha detto:

    link non valido

  2. valent ha detto:

    E’ passato così tanto tempo che il link non è più valido.
    Comunque non ci vuole molto tempo per crearsi una macchina virtuale con Debian. Basta scaricare la versione NetISO (quella di pochi MB) e poi fare l’installazione via rete.
    Grazie per la segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *