Red Hat / CentOS 7 con GUI minima


Vi sarà capitato di dover installare un sistema operativo CentOS, oppure Red Hat o Oracle Linux, con numero minimo di pacchetti per evitare di installare programmi e funzionalità inutili.
A volte invece capita che vi chiedano di installare la GUI e la GUI, di suo, comporta l’installazione di centinaia di pacchetti che mai userete.
Eccovi un metodo per installare Red Hat o CentOS (anche Oracle Linux e cloni) con la GUI minimale.
La prima cosa è quella di installare il sistema operativo scegliendo il profilo Minimal.
Al termine dell’installazione collegarsi e installare i seguenti pacchetti:

yum groupinstall "X Window System" "Fonts"
yum install gnome-classic-session gnome-terminal nautilus-open-terminal control-center liberation-mono-fonts

Poi per impostare l’avvio della GUI all’avvio del sistema:

sysconfig set-default graphical.target

Il gruppo di pacchetti che sarà installato con “X Window System” comprende l’insieme ridotto per far funzionare il server X, mentre il gruppo “Fonts” benchè non strettamente necessario permette di non avere problemi di visualizzazione delle finestre e di vari programmi installati perchè installa uno svariato numero di caratteri.
Infine con il comando install di gnome-classic-session gnome-terminal nautilus-open-terminal control-center liberation-mono-fonts permette di installare Gnome in maniera semplice ed essenziale.

Installare vncserver su Oracle Linux 7


VNC, o “Virtual Network Computing”, è un sistema di connessione che consente di utilizzare la tastiera e il mouse per interagire con un ambiente desktop grafico su un server remoto. VNC semplifica la gestione di file e del software su un server remoto agli utenti che non sono a loro agio con la linea di comando.

Su Oracle Linux 7, Centos o Red Hat, la funzionalità standard di share del desktop è facile da attivare ma è utilizzabile soltanto con pochi client VNC: collegarsi da Windows al server non è facile perchè la maggior parte dei client non supporta il protocollo di autenticazione di Vino Server, per cui è opportuno adottare un’alternativa installando vncserver.

Una volta completato il processo, sarai in grado di accedere facilmente al tuo server con l’aiuto di uno strumento di visualizzazione VNC, come vncviewer. Analizziamo i passaggi.

Continua a leggere

Red Hat Enterprise Virtualization 2009


red-hat A settembre 2008, Red Hat  ha concluso l’acquisizione di Qumranet Inc. e dei suoi prodotti compresi KVM, SolidICE/SPICE e le tecnologie per la loro gestione, Il 28 febbraio 2009 Red Hat Enterprise annuncia un portafoglio di prodotti per la virtualizzazione, di cui i componenti principali sono:

Continua a leggere

KVM nel 2009


redhat Dopo l’acquisizione di Qumranet nello scorso autunno da parte di Red Hat, Kernel based virtual machine ha subito una forte accelerazione nello sviluppo. Sono state rilasciate più di cento patch a KVM per versione 2.6.28 del kernel Linux.

Per non rimanere indietro sullo scontro con il rivale Xen, ora anche con KVM è possibile sfruttare l’ultima tecnologia Intel Virtualization for directed I/O (VT-d).

Ma per cosa succederà in questo nuovo anno a KVM? Quali sono i vantaggi che Red Hat ricaverà dall’acquisto della startup israeliana Qumranet?

Continua a leggere

Enomalism per gestire server virtuali eterogenei


coccinella Enomalism è un’interfaccia grafica web-based per gestire un gruppo di server virtuali che adoperano diversi software di virtualizzazione. Attualmente Enomalism è in grado di portare a termine migrazioni da e per QEMU/KVM, Xen e Amazon EC2 (presto anche VMware, VirtualBox e OpenVZ).

Il software possiede anche la capacità di effettuare automaticamente il bilanciamento del carico di lavoro tra i server, inoltre ha un’architettura modulare che consente la creazione da parte di terzi di plug-in per Enomalism.

Continua a leggere