WordPress e Apache

Come migliorare le prestazioni di WordPress su un web server Apache.

server blade apache wordpressQuando sono sono migliaia i visitatori unici al giorno di un blog, uno spazio web condiviso non riesce più a fornire abbastanza reattività e iniziano a sorgere i primi problemi di colloquio con il database. Se gli introiti pubblicitari lo consentono è meglio iniziare a pensare di migrare verso un server dedicato oppure passare ad una vps (virtual private server).
Con un piano vps si può gestire un proprio web server così come usando un server dedicato.
Per non spendere molto si può scegliere GNU/Linux o FreeBSD come sistema opertivo e Apache come web server.
Se si ha a disposizione Apache è opportuno compilarlo da se ed escludere quelle caratteristiche che non servono ad un blog. Nella fase di configurazione è buona cosa disabilitare moduli come imap o il supporto per le cartelle degli utenti.
Invece si possono attivare ETAGS e il modulo mod_headers, per aumentare la cache sul browser dell’utente per file multimediali, così come è utile abilitare mod_rewrite per la riscrittura degli URL.
Un ottimo consiglio è compilare i moduli usando librerie condivise invece che collegate staticamente (statically linked) così si potrà limitare l’uso della memoria specialmente se si usa una vps.
Per ridurre l’uso della banda si possono caricare le immagini o video su servizi web come Flickr o YouTube.
Ora ci si può concentrare sulla messa a punto della piattaforma WordPress.
Wordpress ha numerosi temi e moltissimi plugin, tuttavia parecchi di questi sono stati disegnati e programmati senza tenere conto di alcuni aspetti che li rendono lenti o dispensiosi di memoria. Questi problemi a volte sorgono quando si deve garantire uno standard per molti usi, ad esempio non si possono fare riferimenti assoluti ma è indispensabile usare riferimenti relativi che fanno uso di funzioni per ricavare il path assoluto di una directory.
Si può aumentare la velocità modificando parti del codice di WordPress, per esempio, cambiando: <a href=”<?php path(‘home’); ?>”>Home</a> in <a href=”/opt/apache2/htdocs/wp/main.php”>Home</a>
Wordpress di per se risulta abbastanza lento a caricare rispetto ad altri cms simili. Però è possibile diminuire il tempo di caricamento utilizzando una cache strumento che altre piattaforme hanno già provveduto ad implementare di default mentre non è ancora stato integrato in WordPress. Il plugin WP Super Cache salva le pagine dinamiche in modo da renderle statiche in una cartella, cosiché una successiva richiesta della pagina non necessiterà di usare il motore php ne di accedere al database.

Un pensiero riguardo “WordPress e Apache

  1. Bradford Knowlton ha detto:

    Great Post,

    If you are looking at hosting very large wordpress sites you may want to look at wordpress mu, multi user edition.

    http://mu.wordpress.org/

    This version allows multiple users to each have their own blogs, and with an additional plugin, they can even use their own domains. You can host 100’s of blogs or even 1000’s on 1 domain or 100’s of domains.

    Also if you are looking for a place to store images and other uploads check out Amazons web services. Amazon S3 is storage for the Internet. It is designed to make web-scale computing easier for developers. Amazon S3 provides a simple web services interface that can be used to store and retrieve any amount of data, at any time, from anywhere on the web. It gives any developer access to the same highly scalable, reliable, fast, inexpensive data storage infrastructure that Amazon uses to run its own global network of web sites. The service aims to maximize benefits of scale and to pass those benefits on to developers.

    http://www.amazon.com/gp/browse.html?node=3435361

    Also they have the elastic computing cloud. Amazon Elastic Compute Cloud (Amazon EC2) is a web service that provides resizable compute capacity in the cloud. It is designed to make web-scale computing easier for developers.

    Bradford Knowlton
    http://x86Virtualization.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *